Sicilia Tour, guida per turisti curiosi: dalla partenza al soggiorno

La Sicilia è la mia passione e il mio unico amore

Sicilia Tour, guida per turisti curiosi: dalla partenza al soggiorno

 La nostra guida per turisti curiosi Sicilia Tour ha l’ambizione di non tralasciare nulla.

Ti daremo consigli su come prenotare il volo e l’hotel nell’isola più grande del Mediterraneo.

Immaginiamo un viaggio in Sicilia di 15 giorni tentando di ottimizzare il tempo per esplorarla al meglio.

Pianificazione viaggi, consigli, tappe, principali destinazioni, come arrivare, come spostarsi, dove andare e cosa fare in Sicilia.

La ‘perla’ del Mediterraneo è la prescelta tra i viaggi nel Sud Italia del tuo piano vacanze 2020 e di quello di molti altri turisti.

La Sicilia profuma della sua storia millenaria, di Grecia e d’Africa, di Bisanzio, d’Arabia e di mondo normanno. Non è soltanto la regione più estesa dello Stivale.

L’antica Trinacria va esplorata a fondo, svelata in più di un tour, in tanti viaggi alla scoperta dei suoi templi greci, dei mosaici bizantini, dell’architettura araba e dell’arte normanna.

Ogni suo angolo racconta di fasti, tradizioni, culture e ricchezza.

Cibi deliziosi, natura superba. Quattro parchi naturali, una novantina di riserve naturali, un universo costellato di spiagge, calette e insenature fiabesche, un suggestivo mondo sommerso.

Sei pronto per il tour? Seguici.

 

Sicilia Tour: prenotazione voli + hotel + auto

Qual è il miglior sito di prenotazione hotel economici in Sicilia?

Se vuoi prenotare soltanto l’albergo o il B&B perché intendi viaggiare in auto, ti consigliamo booking.com o trivago.it. Digitando nei motori di ricerca ‘Sicilia Italia’, troverai le migliori offerte hotel in Sicilia.

Se, invece, stai cercando un pacchetto all-inclusive volo + hotel e vuoi pianificare il tuo viaggio in modo semplice, veloce e conveniente, dai un’occhiata su Tripadvisor oppure su Skyscanner, Expedia, Edreams, Volagratis. Si tratta di siti che comparano i prezzi. Ti permettono di scegliere il migliore, di prenotare velocemente e di richiedere, magari, anche un’auto a noleggio.

Insomma, una guida per la pianificazione vacanze siciliane può dartela, in termini economici, uno di questi siti.

Nel caso tu cercassi pacchetti turistici Sicilia particolari, un giro turistico delle attrazioni in Sicilia o viaggi di lusso, esistono online agenzie di viaggio che organizzano tour per gruppi e singoli.

 

Guida turistica Sicilia: quando andare

Il clima siciliano è tipicamente mediterraneo con lunghe estati calde e secche ed inverni brevi, il più delle volte miti.

Per un viaggio in Sicilia, ogni stagione dell’anno è buona, seppure i mesi più indicati siano quelli tra aprile e ottobre. Questo perché i mesi tra ottobre e febbraio (autunno e inverno) sono i più piovosi.

La dolcezza del clima in primavera e in autunno consente di fare il bagno e di visitare i siti di maggior interesse senza soffrire troppo il caldo.

In Sicilia, d’estate (soprattutto ad agosto) le spiagge vengono letteralmente invase da orde di vacanzieri e i prezzi lievitano.

La Sicilia, perla del Mediterraneo, è talmente carica di storia, spiagge incantevoli e paesaggi naturalistici suggestivi che, per raccontarla tutta, non basta una guida. Così come non basta la classica vacanza estiva. C’è tanto, troppo da visitare e da ammirare. L’unica soluzione a questo surplus di bellezze naturali è organizzare un Sicilia Tour, magari da ripetere in varie tappe.

Si potrebbe organizzare una vacanza nella parte orientale oppure occidentale. Tentiamo.

 

Sicilia tour nell’area occidentale: itinerari e principali destinazioni

La parte nord-ovest della Sicilia rappresenta una zona di particolare pregio dell’isola.

Tra le mete turistiche da non perdere dell’area occidentale siciliana troviamo:

Palermo, capoluogo barocco della regione. Di questa città non puoi perderti Palazzo dei Normanni, la Cattedrale di Palermo e le tombe reali, il Teatro Massimo, la Cappella Palatina, la chiesa della Martorana, le Catacombe e i mercati rionali;

Trapani, forte del suo mare incantevole e cristallino e delle sue aree naturalistiche. Del centro storico ti consigliamo le Cento Chiese e Palazzo Senatorio. Non perderti neanche la Torre dell’Orologio e la chiesa del Purgatorio, il Castello del Mare, la Torre della Colombaia, la Torre di Ligny e il Museo delle Saline;

Marsala, la città del vino, con uno dei tratti di costa più suggestivi. Nel centro storico, sono da ammirare la chiesa Madre, il Museo degli Arazzi, i palazzi storici, l’Insula Romana, il parco archeologico.

Il tour non si ferma, di certo, qui.

Non possiamo trascurare le isole Egadi (in particolare, Pantelleria, Lampedusa e Favignana) simili a paradisi caraibici, oppure i siti archeologici di Segesta (con il tempio dorico e il teatro greco), Selinunte (con le sue cave di Cusa) e Agrigento (Valle dei Templi), gli incantevoli borghi storici di Cefalù, Sciacca, Erice.

Ad Agrigento, in particolare, ci ha colpito molto la Scala dei Turchi, una scogliera in calcare bianco che presenta veri e propri gradini.

Chi punta a luoghi di villeggiatura troverà pane per i suoi denti: San Vito Lo Capo, Scopello e Castellammare del Golfo.

La riserva della Foce del Belice, la riserva dello Zingaro o il parco delle Madonie sono perfetti per chi ama la natura.

 

Sicilia Tour nell’area orientale: itinerari e principali destinazioni

La regione sud-est della Sicilia è altrettanto affascinante e suggestiva.

Potrai visitare importanti città come Messina, Catania e Siracusa.

Messina non va considerata semplicemente il principale punto di arrivo per chi arriva in traghetto. Vale la pena visitare il centro storico e il Duomo, l’Orologio astronomico e la fontana di Orione, il Teatro Vittorio Emanuele II. Le tappe messinesi obbligate, per chi può permettersele, sono Taormina, che vanta un immenso patrimonio storico e archeologico, e Giardini Naxos (non lasciarti sfuggire il museo). Per ammirare come si deve le Isole Eolie (o Lipari) con i loro due vulcani attivi (Stromboli e Vulcano) ci vuole un tour a parte.

Catania offre spiagge cittadine come Praiola di Giarre, e Foce Simeto ma, soprattutto, i monumenti barocchi. Visita la cattedrale di Sant’Agata, il Giardino Bellini, i sotterranei e il Museo dello Sbarco, Acitrezza con gli otto Faraglioni dei Ciclopi e l’isola Lachea.

Della città di Siracusa ti consigliamo di esplorare l’isola di Ortigia, la parte storica (Duomo, Tempio di Apollo), il porto per, poi, spostarti verso il Teatro greco, l’Anfiteatro romano e il castello Maniace.

Non ultimi, lo splendido paesaggio dell’Etna, le zone costiere di Capo Passero e dell’isola delle Correnti.

Noto, nei pressi della riserva naturale di Vendicari, è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO ma viene anche definita la capitale del barocco.

Tra le varie spiagge, ti consigliamo quella di Letojanni e di Bella (Taormina), di Calamosche e Marzamemi, Punta Asparano (Siracusa) e la Foce del Simeto (Catania).

 

Sicilia Tour: Enna e Ragusa

Il Tour in Sicilia può proseguire alla volta di Enna e Ragusa.

Enna viene soprannominata ‘l’ombelico della Sicilia’, è il cuore dell’isola.

E’ l’unica città siciliana a non avere accesso al mare. In compenso, vanta il maggior numero di laghi, tra cui il Lago di Pergusa (l’unico naturale).

Si trova a 900 metri sul livello del mare ed offre svariati luoghi di interesse, oltre al Lago di Pergusa:

  • Il Museo Archeologico;
  • Il Castello di Lombardia, che permette una vista senza ostacoli sull’Etna;
  • Il Duomo di Enna;
  • Via Roma, il centro storico di Enna.

Anche Ragusa ha un soprannome, anzi più di uno: ‘la città dei ponti’,’l’isola nell’isola’, ‘l’altra Sicilia”.

Dopo la ricostruzione post evento sismico del 1693, è stata suddivisa in Ragusa Superiore e Ragusa Ibla.

Rappresenta uno dei più importanti siti UNESCO del mondo. Custodisce tesori: reperti archeologici di età greca, antiche tradizioni rurali, architettura barocca sfoggiata da chiese, palazzi e vicoli.

 

Sicilia Tout: Come arrivare nell’Isola della Trinacria?

Nei motori di ricerca hai digitato ‘Sicilia trasferimenti aeroporto Italia’ e anche ‘trasferimenti in auto aeroporto Sicilia’. Non trovi la risposta che cerchi.

Forse hai digitato la parola chiave non corretta, forse non hai pazienza né voglia di cercare.

Probabilmente, sei confuso e non hai ancora deciso se vuoi partire in auto o in aereo.

Ti spieghiamo noi come arrivare in Sicilia in tutti i modi possibili.

Il mezzo più rapido per raggiungere la perla del Mediterraneo è l’aereo.

Sull’isola esistono due Aeroporti:

Falcone-Borsellino di Punta Raisi che dista da Palermo 32 km;

Fontanarossa a 7 km da Catania.

Il primo, l’aeroporto di Palermo, è collegato con voli diretti agli aeroporti principali delle città italiane (Napoli, Torino, Venezia, Milano, Bologna, Pisa, Roma). Riguardo all’aeroporto di Catania i collegamenti sono simili.

Una volta arrivato in aeroporto, in Sicilia trovare un taxi non sarà un problema.

Se vuoi viaggiare in treno, le linee ferroviarie collegano Milano, Firenze, Roma, Napoli e Reggio Calabria a Messina e da lì a Palermo, Catania e altre città siciliane. I treni vengono trasportati dalla penisola con il traghetto da Villa San Giovanni. I più rapidi, puntuali e costosi sono i treni Eurostar degli Intercity.

Via terra è possibile anche utilizzare gli autobus: la compagnia più nota che gestisce collegamenti da Roma o Napoli verso la Sicilia è la Interbus.

Se vuoi viaggiare comodo con la tua auto, con la A3 Salerno-Reggio Calabria puoi raggiungere Villa San Giovanni, dove partono i traghetti diretti a Messina.

L’isola è raggiungibile anche via mare:

– in traghetto da Napoli, Livorno, Genova e Cagliari;

– con il servizio di aliscafi che collega Messina a Reggio Calabria.

Il prezzo dei biglietti aumenta tra giugno e settembre e conviene prenotarli in netto anticipo.

 

Tour della città: la Sicilia e i trasporti locali

Una volta messo piede nella città siciliana da visitare, ti chiedi: è meglio noleggiare un’auto o una moto oppure viaggiare con i mezzi pubblici?

Il trasporto pubblico in Sicilia è complicato e richiede tempo.

I collegamenti tra le principali città e le località turistiche sono buoni. Se scegli, invece, percorsi meno battuti puoi incontrare difficoltà.

I treni sono lenti con servizi limitati ma sono da preferire agli autobus se si viaggia tra le principali città siciliane. Sono lenti ma economici e, comunque, affidabili.

I treni che fanno servizio lungo il circuito dell’Etna non sono gestiti da Trenitalia ma dalla Ferrovia Circumetnea, una società privata.

I collegamenti con le isole al largo della costa sono garantiti da un efficiente sistema di traghetti e aliscafi. I servizi diminuiscono significativamente d’inverno.

Pantelleria e Isole Pelagie è preferibile raggiungerle in aereo, mezzo più economico e veloce rispetto al traghetto.

 

Sapori e specialità della Sicilia

Un bel giorno, ti sei alzato e hai deciso: “Destinazione Sicilia”. Per le sue bellezze paesaggistiche, il mare, la storia, il fascino, il mistero, il senso di ospitalità. Anche per le sue specialità da assaporare in loco.

Questa terra sa prendere per la gola. I sapori di Sicilia sono un trionfo di gusto.

Quando si organizza un Sicilia Tour è impossibile non sognare le specialità dell’isola.

La lista del menu siciliano è lunga ma cercheremo di limitarci:

– pasta con le sarde o con i tenerumi (germogli della pianta di zucchine lunghe);

– timballo di anelletti al forno;

– pasta alla Norma con il sugo e le melanzane fritte;

– cardi e carciofi passati in pastella e fritti;

– pesce spada al forno;

– cous cous di pesce;

– sarde a beccafico (involtini di sarde ripieni di pangrattato, pinoli e uva sultanina);

– insaccati di Chiaramonte Gulfi o di Sant’Angelo di Brolo;

– olive “acciurate” (annegate nell’olio extravergine d’oliva con profumi locali);

– arancini al ragù;

– cannoli;

– cassate;

– paste di mandorle;

– caponate di melanzane;

– parmigiana di melanzane;

– panelle fatte con farina di ceci;

– lenticchie di Ustica;

– capperi di Salina;

– pistacchi di Bronte;

– granite,

– vini tipici come Nero d’Avola, Fuoco dell’Etna, Passito di Pantelleria, Malvasia, Marsala.

Fermiamoci qui anche se ci sarebbe molto altro da elencare.

 

Sicilia Tour: Cosa fare nell’Isola siciliana?

Di cose da fare, in Sicilia, oltre a godersi le spiagge, i sapori, la storia e l’architettura, ce ne sono diverse.

Tra queste, partecipare alle tradizionali feste religiose ed eventi in genere, le più importanti feste religiose sono quella dedicata a Sant’Agata (febbraio, Catania), Santa Lucia (Siracusa), il Presepe Vivente di Custonaci, la Festa di Santa Rosalia a Palermo (che si conclude la notte del 14 luglio),

Sul versante laico ti segnaliamo questi eventi:

Teatri di Pietra con spettacoli dal vivo in vari teatri antichi e siti monumentali;

Settimana Pirandelliana di Agrigento a luglio/agosto, con spettacoli teatrali, balletti e opere;

– Festival internazionale Taormina Arte (luglio/settembre) con spettacoli e rappresentazioni teatrali nel famoso teatro greco;

Sagra dei mandorli in fiore che si svolge nella Valle dei Templi di Agrigento nella prima decade di febbraio;

Carnevale di Acireale, tra i più spettacolari dell’isola;

– Le stagioni del Teatro Massimo e del Teatro Politeama;

Festival di Morgana, tra novembre e dicembre, con i famosi “pupi” siciliani.

Buon appetito, buon divertimento e buon viaggio alla scoperta delle bontà e bellezze siciliane.

 

 

 

 

Ciao Sono Iolanda, Nel 2010 ho deciso di ritornare nella mia magica isola, la Sicilia, affinchè l’esperienza acquisita negli anni precedenti prendesse forma lì dove ero nata.

Link Utili

Dove si trova
Come raggiungerla
Numeri utili
Mappa di Siracusa

 

Link Utili

Dove si trova
Come raggiungerla
Numeri utili
Mappa di Siracusa

 

Link Utili

Dove si trova
Come raggiungerla
Numeri utili
Mappa di Siracusa